Bonifica Radon

Progettazione completa di interventi di bonifica radon su edifici, complessi industriali, ambienti ipogei, miniere in sotterraneo.

Analisi mirate delle concentrazioni di gas radon e dei parametri ambientali significativi (Pressione,Temperatura,Umidità), valutazione della permeabilità intrinseca del sottosuolo.

Progettazione dei sistemi di bonifica radon mediante depressione-sovrapressione dei locali, attraverso dispositivi di ventilazione forzata, realizzazione delle opere edili mediante manodopera specializzata,collaudo preliminare e collaudo finale con monitoraggio attivo-passivo post-intervento.

Per gli interventi di bonifica radon, Hattusas S.r.L. si avvale inoltre della consulenza e della collaborazione della ditta artigiana B.C.B. costruzioni S.r.L. dalla comprovata esperienza nel settore edile, per la valutazione e la realizzazione di mirati interventi e lavori di bonifica radon a regola d’arte.

  • La Ventilazione Sotto l’edificio

    L’estrazione di aria contaminata da radon grazie ad una ventilazione sotto l’edificio risulta essere una metodologia di protezione dal radon molto efficace.

  • DIREZIONAMENTO DEI FLUSSI D’ARIA

    L’aria è l’elemento che meglio trasporta il radon. Questo gas radioattivo può trovarsi in maniera concentrata nell’aria che si trova nel sottosuolo e con essa può raggiungere l’atmosfera e l’interno degli edifici. In determinate situazioni, in particolare nei locali chiusi ermeticamente o mal ventilati, la concentrazione di radon nell’aria ambiente può raggiungere valori critici e pericolosi.

Centro Informazioni Misurazione Radon

  • +39 - 347 7425111

    Chiama o scrivi tramite Whatsapp 

  • info@misurazione-radon.it

    Scrivici per avere informazioni sulle più avanzate tecniche di misurazione Radon

Bonifica Radon
Ventilazione sotto l’edificio

L’estrazione di aria contaminata da radon grazie ad una ventilazione sotto l’edificio risulta essere una metodologia di bonifica radon molto efficace. Questa soluzione è però di difficile implementazione in molti edifici esistenti e può spesso causare perdite energetiche. Di seguito sono elencate le misure che possono essere implementate:

  • Ventilazione degli spazi presenti sotto l’edificio;
  • Aspirazione dell’aria presente nel sottosuolo (pozzo radon, drenaggio radon).
  • Aspirazione dell’aria da intercapedini;

In sostanza si distinguono due metodologie di bonifica radon:

  • Misure di ventilazione in cui viene immessa aria non contaminata (ventilazione trasversale): il ricambio d’aria diluisce la concentrazione di radon presente;
  • Aspirazione e allontanamento dell’aria contaminata presente nel terreno (messa in depressione): si crea una depressione che aspira l’aria contaminata dal terreno.

Ventilazione degli spazi presenti sotto l’edificio

Gli edifici privi di scantinati sono spesso costruiti sopra vespai, che riducono i problemi di umidità nella costruzione. Eventuali aperture dedicate alla ventilazione di questi spazi possono aiutare a proteggere efficacemente dal radon. Esse devono tuttavia essere eventualmente ingrandite o adattate secondo le necessità.

Possono inoltre anche essere installati dei ventilatori che hanno l’obiettivo di generare un flusso d’aria.

Esistono in questo caso due possibili metodologie di bonifica radon : si può favorire la circolazione dell’aria esterna attraverso le diverse aperture di ventilazione oppure si può rinunciare alla creazione di aperture di ventilazione cercando di mettere in depressione questo spazio. Tramite la depressione generata grazie a questa metodologia l’aria contaminata presente nel sottosuolo viene aspirata ed espulsa esternamente. Allo scopo di contenere le portate del ventilatore, le superfici a diretto contatto con il vespaio sottostante devono essere rese ermetiche.

La decisione di ventilare attivamente o passivamente questi spazi dipende sia dalle caratteristiche costruttive dell’edificio che dalle concentrazioni radon rilevate. L’utilizzo di un ventilatore risulta essere generalmente più efficace di una semplice ventilazione naturale.

Anche se una solo una parte della sottostruttura/del sottosuolo dell’edificio viene ventilata, l’effetto positivo di questo intervento di bonifica radon può essere rilevato in tutto l’edificio. La messa in depressione del sottosuolo innesca infatti un fenomeno di aspirazione più ampio che permette una riduzione delle concentrazioni radon in tutto l’edificio.

A seconda della posizione, le case terrazzate presentano un rischio radon più elevato in quanto hanno un’importante percentuale della superficie dell’involucro che si trova direttamente a contatto con il terreno. A dipendenza delle caratteristiche costruttive dell’edificio, la messa in depressione del terreno sottostante o dietro lo stesso è una soluzione sensata che in alcuni casi può essere favorita grazie ad aperture laterali.

Bonifica Radon – Messa in sovrapressione dell’edificio

Una leggera sovrappressione di 2-3 Pascal all’interno dell’edificio può evitare la penetrazione di aria contaminata da radon dal sottosuolo.

Nei locali in cui è presente un sistema di ventilazione, ossia in edifici con una ventilazione meccanica (con immissione e aspirazione), i volumi d’aria in entrata e in uscita possono essere stabiliti, a seconda dei casi, direttamente regolando i ventilatori.

Un volume d’aria immessa maggiore del 5 % rispetto al volume d’aria estratta genera una leggera sovrapressione all’interno dei locali. Questa minima differenza di pressione è difficile da generare e da regolare.

Negli edifici senza un sistema di ventilazione meccanica l’alternativa è l’installazione di un sistema di ventilazione con sola immissione.

Generando una sovrappressione nei locali potenzialmente o effettivamente contaminati, la protezione radon entra parzialmente in conflitto con le buone prassi delle certificazioni energetiche in termini di isolamento termico, protezione contro l’umidità e clima interno degli edifici.

Questo potenziale conflitto è dato dal fatto che produrre una sovrappressione causa l’uscita di aria attraverso i punti non stagni presenti nell’involucro. In quest’ottica, è inoltre importante considerare pure le perdite termiche dovute all’uscita dell’aria dall’involucro.

Anche per questa ragione è essenziale favorire un concetto di protezione che si basa su una sovrappressione minima e su una ventilazione tramite volumi d’aria contenuti. Solo attraverso uno studio dettagliato delle caratteristiche del fabbricato e la diagnosi mediante rilevazioni strumentali per determinare i punti caldi di risalita del gas radon consente di programmare e progettare una corretta e efficace sovrapressione dell’edificio ed una conseguente soluzione dell’inquinamento da gas radon.

Bonifica Radon
Direzionamento dei flussi d’aria

L’aria è l’elemento che meglio trasporta il radon. Questo gas radioattivo può trovarsi in maniera concentrata nell’aria che si trova nel sottosuolo e con essa può raggiungere l’atmosfera e l’interno degli edifici. In determinate situazioni, in particolare nei locali chiusi ermeticamente o mal ventilati, la concentrazione di radon nell’aria ambiente può raggiungere valori critici e pericolosi.

Concentrazioni molto elevate vengono spesso rilevate nelle cantine, ma talvolta anche nei locali di soggiorno e negli uffici, in particolar modo se essi si trovano ai piani inferiori di un edificio.

Allo scopo di ridurre questo potenziale pericolo, deve essere ridotta, per quanto possibile, infiltrazione di aria contaminata all’interno dell’edificio. Quale accorgimento supplementare, al fine di contenere la problematica, è inoltre possibile utilizzare metodi per ricambiare l’aria contaminata.

I possibili accorgimenti possono essere suddivisi in cinque gruppi distinti:

  • Prevenire la creazione di una depressione nei locali di soggiorno e di lavoro;
  • Favorire la creazione di una sovrappressione all’interno dei locali di soggiorno;
  • Favorire un costante ricambio d’aria;
  • Favorire la creazione di una depressione al piano seminterrato (ventilazione degli scantinati);
  • Ventilare sotto l’edificio.

Nell’ambito di queste cinque possibili tipologie di intervento vengono utilizzate diverse metodologie di ventilazione.

L’entrata del radon nei locali per diffusione, equiparabile alla diffusione del vapore acqueo, ha un’incidenza limitata rispetto alla penetrazione per convezione. Analisi hanno permesso di attribuire al fenomeno di diffusione solo una minima parte dell’ingresso di radon all’interno dell’edificio.

Nella progettazione l’involucro dell’edificio deve essere concepito e realizzato in maniera che sia ermetico. Vanno studiati valori limite e valori mirati per la permeabilità all’aria in funzione del fatto che l’edificio sia nuovo o risanato così come della modalità di ventilazione e del rispettivo sistema di ventilazione installato.

Va ricordato che l’ermeticità dell’involucro dell’edificio influenza anche la presenza di inquinanti indoor all’interno dei locali. Nei locali di soggiorno soggetti ad una depressione, l’aria in entrata viene a contatto con gli elementi di costruzione dell’edificio.

Ciò può avere conseguenze negative in quanto questi materiali possono contenere sostanze nocive. D’altro canto, un involucro dell’edificio non ermetico garantisce un costante ricambio dell’aria favorendo una diluizione delle concentrazioni di radon.

Ciò porta quindi a un possibile conflitto tra le strategie dedicate al raggiungimento dei vari obiettivi assegnati all’edificio (qualità dell’aria indoor e coibentazione termica), che deve essere valutato con i vari esperti. Quello che è tuttavia sicuro, è che rendere ermetici i passaggi presenti nei pavimenti e nelle pareti a contatto con il terreno rimane una strategia efficace per proteggersi dal radon.

Le superfici contro terra sono esplicitamente parte integrante dell’involucro. Le perdite vengono misurate applicando una differenza di pressione tra interno ed esterno dell’involucro di 50 Pascal. Non può essere tuttavia garantito che l’involucro dell’edificio sia ermetico al radon, in quanto singoli punti non ermetici possono causare l’entrata di radon.

Gli elementi di costruzione particolarmente critici devono pertanto soddisfare standard di ermeticità particolarmente elevati.

I flussi d’aria all’interno di un edificio sono causati da differenze di temperatura o di pressione generati naturalmente oppure da sistemi di ventilazione meccanici, principalmente dotati di ventilatori.

Ciò può causare notevoli consumi elettrici. Già a partire da una potenza installata pari a 50 W il ventilatore consuma più di 400 kWh all’anno. Inoltre un sistema di ventilazione meccanica, anche se composto da singoli ventilatori, necessita di periodica manutenzione.

È per questo motivo che sistemi passivi sono da prediligere rispetto a quelli attivi.